Altre informazioni utili per il cittadino

Bruciature di residui vegetali

-

A seguito di recenti modifiche al d.lgs. 152/2006 (Norme in materia ambientale) le attività di raggruppamento e abbruciamento in piccoli cumuli e in quantità giornaliere non superiori a tre metri steri per ettaro di materiali vegetali effettuate nel luogo di produzione, sono ora riconosciute come normali pratiche agricole consentite per il reimpiego dei materiali come sostanze concimanti o ammendanti, e non attività di gestione dei rifiuti.

Ai sensi di legge sono considerati materiali vegetali: paglia, sfalci e potature, nonché altro materiale agricolo o forestale naturale non pericoloso utilizzati in agricoltura, nella selvicoltura o per la produzione di energia da tale biomassa con processi o metodi che non danneggiano l'ambiente né mettono in pericolo la salute umana.

Attenzione però che la pratica di abbruciamento suindicata e comunque vietata:

  • nei periodi di massimo rischio per gli incidenti boschivi dichiarati dalle regioni;
  • nel caso in cui il Comune, o altra amministrazione competente in materia, adotti provvedimenti tesi a sospendere, differire o vietare tale pratica.

Esercizi di somministrazione

Per le oliere torna l'obbligo del tappo antirabbocco
-

E' previsto dall'art. 18 della legge 161/2014 che, modificando l'art. 7 della legge 9/2013, precisa:

Gli oli di oliva vergini proposti in confezioni nei pubblici esercizi, fatti salvi gli usi di cucina e di preparazione dei pasti, devono essere presentati in contenitori etichettati conformemente alla normativa vigente, forniti di idoneo dispositivo di chiusura in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata e provvisti di un sistema di protezione che non ne permetta il riutilizzo dopo l'esaurimento del contenuto originale indicato nell'etichetta.

La violazione di tale obbligo comporta la sanzione amministrativa pecuniaria da € 1.000 a € 8.000 e la confisca del prodotto.

Articolo pubblicato il 17/10/2014 , ultima modifica il 08/01/2016